Ciurma !!! Siete pronti a tornare al nostro covo, dopo aver razziato per i sette mari? ” Allora seguiteci nel racconto di questa cameretta! Questo spazio dedicato a due maschietti presentava una grossa problematica, una grande trave di cemento armato che correva parallelamente alla parete di fondo. La necessità di mascherarla il più possibile mi ha ispirato , portandomi a creare questa soluzione, dove, la torre della fortezza da un lato ed il cielo ed il pennone spezzato del veliero dall’altro, coprono quasi completamente il difetto strutturale della stanza.

Ispirata alle fortezze costiere dei Caraibi, questa struttura vuole richiamare le atmosfere di un covo di pirati, strutturata su due livelli come sempre, presenta però un soppalco parziale, sufficiente ad accogliere il secondo letto, in un’area però temporaneamente destinata ai giochi. nella parte inferiore trova spazio il primo letto, incastonato nelle mura della fortezza.

La scaletta in questo caso piccolina, crea un bellissimo angolo sottoscala, che oltre ad avere la funzione di spazio per i giochi, delinea un ulteriore scorcio d’arredo. Come accennato prima, Travi consumate color noce, intonaci vissuti e scrostati che mostrano mattoncini, incorniciano il tutto.

a cura di:
Studio Brizielli
Progetto:
Cameretta esperienziale
Tempi:
ca 1 mese
cliente:
Privato
Stile:
Pirati dei
Caraibi
data:
Ottobre 2020

Dettagli di design

Entrare in questa camera significa immergersi in un vero e proprio mini-mondo di avventure: le palme finte, le rocce e  gli intonaci scrostati che portano alla luce i mattoncini sottostanti consumati dal tempo si fondono con il legno che fa capolino nei tetti e nelle nicchie contenitive. Tutto ciò crea assieme alle calde luci delle lampade in ferro battuto un’atmosfera completamente immersiva. Appollaiato sul pennone in rovina ed un po’ nascosto dal sartiame sfilacciato troviamo un pappagallo, attorno a lui le vele strappate di un veliero affondato in prossimità.

 

 Le mura merlate, mostrano i segni del tempo e delle battaglie, di cui sono state spettatrici ma ancora difendono stoicamente gli ambienti interni della fortezza, dove tra mappe del tesoro, bussole e archibugi, i piccoli proprietari, creeranno le loro avventure. Svariati giochi di specchi, creano degli inganni prospettici, duplicando lo spazio sia inferiore che superiore, lo si può notare dall’effetto che ciò ha sulle finte arcate interne della parte superiore, o su una delle nicchie inferiori, che appare così come un corridoio profondo. Uno splendido dettaglio è rappresentato dall’uso di  vere botti in legno di castagno, come solidi elementi decorativi.

[2,85m]

h camera

[4,5m2]

SOPPALCO

[5m2]

specchi

[2]

VERE BOTTI IN CASTAGNO

Risultati incredibili

Non dimenticherò mai la reazione dell’intera famiglia al momento dell’apertura della porta della cameretta. Il bambino saltellava dalla gioia, mentre la mamma si è letteralmente commossa, facendo di conseguenza emozionare anche me. Un ricordo speciale è il momento in cui il secondo bimbo, piccolino, che non aveva ancora compiuto un anno, assieme ai genitori è salito al piano superiore, e si è posizionato nella piccola torretta d’osservazione angolare, che sembrava fatta completamente per lui, è stato un momento davvero stupendo.