Cosa si può desiderare di più che avere  un piccolo angolo di Parigi all’interno della propria casa? Le bistrot glycine può essere sicuramente definita come la cameretta più romantica di tutte, per le innumerevoli scelte creative che hanno portato alla sua realizzazione. La parte superiore ed inferiore come sempre ci porta in due realtà simili ma ben distinte. La conformazione generale è quella di un piccolo edificio francese, che al di sotto è adibito a bistrot (area giochi) e al di sopra una terrazza con vista diretta su Parigi e sulla Torre Eiffel.

La necessità di creare un angolo accogliente e fuori dal  comune in cui la passione per i giochi di imitazione della cucina della piccola, potesse avere libero sfogo è stata la fonte di ispirazione per questo concept, ecco dunque nascere un ambiente caldo e accogliente, in cui le travi del tetto color noce biondo, si sposano alla perfezione con la carta da parati sulle pareti e con i mobili provenienti da un mercatino dell’antiquariato. Quello che ne risulta è un vero e proprio scorcio di un locale tipico parigino, sopra il quale è collocata la splendida terrazza destinata all’area letto.

a cura di:
Studio Brizielli
Progetto:
Cameretta esperienziale
Tempi:
ca 1 mese
cliente:
Privato
Stile:
Bistrot
Francese
data:
Febbraio 2021

Dettagli di design

Per la prima volta in un mio progetto, ho fortemente voluto creare un ambiente scenografico completo, di conseguenza anche un semplice tavolino da gioco, non è un “prodotto da bambini” ma un vero e proprio tavolino in legno di noce, delle proporzioni corrette, abbinato a due poltroncine dalle gambe particolarmente basse, e ad un mobiletto madia, debitamente modificato. Tutto questo incorniciato da una boiserie abbinata al colore delle travi ed alla carta da parati, completato da uno specchio antico e da cornici con all’interno acquerelli con vedute di Parigi. All’interno vi è anche uno spazio sottoscala ed un angolo destinato ad una piccola televisione.

L’arredo però non è l’unico dettaglio unico di questa cameretta. la parte superiore per la prima volta presenta le calde atmosfere del tramonto. I colori utilizzati per l’aerografia del cielo, sono cinque toni distinti, che variano dal rosa al violetto. Questo in linea con i colori del fondale digitale, presente sulle pareti, creato mediante render 3D, come naturale prolungamento degli edifici ricostruiti. Il glicine che da il nome al bistrot non è l’unico dettaglio degno di nota, ad esso fanno compagnia un piccolo albero, un lampione, ed una ringhiera in ferro battuto, per simulare al meglio la terrazza su Parigi.

[2,68m]

h camera

[4,7m2]

Specchi

[4m2]

Fondali digitali

[2]

alberi artificiali

Risultati incredibili

Descrivere tutte le mille emozioni della giornata della consegna di questa cameretta non è facile ma credo che un aneddoto più di ogni altro, possa dare un’idea concreta. La sera della consegna la bambina ha voluto cenare assieme alla sua famiglia nella cameretta, immedesimandosi nella proprietaria del bistrot che accoglieva gli ospiti. Successivamente la cameretta è divenuta teatro di svariati momenti tra colazioni e merende. La gioia e la gratitudine nei suoi occhi assieme a questi racconti, hanno fatto sì che al anche “Le bistrot glycine” sia stato un mezzo per realizzare i sogni di questa famiglia.